"Un Paese è sviluppato non quando i poveri posseggono automobili, ma quando i ricchi usano mezzi pubblici e biciclette" Gustavo Petro, sindaco di Bogotà.

Stampa

Circolo FIAB Amici della Bicicletta

Evento 

Titolo:
La balconata di Ormea - Diff. ✰✰✰
Quando:
20.05.2017 
Categoria:
MTB - Fuoristrada rispettando la natura

Descrizione

prnassinoPercorso di media montagna, quella che i valligiani nei secoli passati hanno osservato, lavorato, modificato per poter ricavare l'indispensabile alla sopravvivenza. Hanno scavato e costruito migliaia di chilometri di muri in pietra a secco per ricavare dei terrazzamenti dove coltivare i prodotti della terra. Hanno curato i castagni che producevano in abbondanza i frutti che essiccati permettevano di mangiare tutto l'anno. Allevavano vacche, capre e pecore per il latte e il formaggio. Usavano i muli per trasportare su carri o a basto i materiali che dovevano spostare. Costruirono case in pietra con i tetti racchiusi coperti di paglia di segale, il cereale più resistente del grano utile per il pane. Nelle numerose borgate si possono trovare chiese del XVI e XVII secolo, forni comunitari usati per cuocere il pane, case in pietra, fienili, piloni votivi ed essiccatoi per le castagne. I panorami sulla valle principale e su quelle laterali, sulle cime dal Monte Mongioie, al Pizzo d'Ormea, al Monte Antoroto, al Monte Galero e al Monte Armetta rendono onore al suo nome (fonte Wikipedia).

Noi ne percorreremo solo il tratto maggiormente pedalabile, ovvero quello che va da Chionea (raggiunta da Ormea) a Viozene per ritornare ad Ormea utilizzando la provinciale di fondo valle e la ciclopedonale sterrata lungo il Tanaro.

Link al percorso: http://www.gpsies.com/map.do?fileId=fjopehehfizygsar

Scarica il programma dettagliato

 

Joomla templates by a4joomla