"Un Paese è sviluppato non quando i poveri posseggono automobili, ma quando i ricchi usano mezzi pubblici e biciclette" Gustavo Petro, sindaco di Bogotà.
showcase_girvec.jpgshowcase_urbano.jpgshowcase_b2w.jpgshowcase_mtb2019.jpgshowcase_cicloturismo.jpgshowcase_fiab.jpgshowcase_bimbi.jpg

Clean Cities è passata da Genova

20210314 103910Si è conclusa il 15 marzo con la conferenza stampa e la consegna simbolica della Pagella della Citta all’assessore all’ambiente e alla mobilità Matteo Campora, la tappa genovese di Clean Cities, la campagna di Legambiente che intende promuovere una nuova mobilità urbana cercando di spingere i processi politici locali verso misure di mobilità sostenibile.

I numeri emersi raccontano, ancora una volta, una città tra le più pericolose d’Italia: sono ancora troppo alti i costi sanitari e sociali da traffico a causa dell’incidentalità e dell’inquinamento, che non è solo automobilistico, ma ha una forte componente proveniente dalle attività portuali.

Il tasso di motorizzazione automobilistica è tra i più bassi della media nazionale, ma ancora troppo alto rispetto alle città europee, in una città non idonea alle auto a causa delle strade strette e della conformazione urbanistica della città, con un eccessivo spazio della sede pubblica stradale invaso e occupato da auto e moto.

«La pagella che abbiamo consegnato oggi - spiega Santo Grammatico, presidente Legambiente Liguria - è una sintesi delle performance locali sui principali indicatori urbani relativi a ciclabilità, mobilità elettrica, sicurezza e inquinamento atmosferico e Genova si impegna ma non abbastanza: sono tanti i morti e feriti sulle strade (8 feriti ogni mille abitanti all’anno) e preoccupa l’inquinamento atmosferico per le polveri sottili che è ancora più alto del valore limite indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. È necessario qualificare e migliorare il trasporto pubblico locale, investendo su mezzi efficaci e puntuali, ripensando l’introduzione del tram in città e favorendo la mobilità dolce, sfavorendo i mezzi privati più inquinanti e rumorosi».

«Tra i dati positivi si segnala quello riferito ai 30 km di nuovi percorsi ciclabili - continua Grammatico - un passo incoraggiante ma non abbastanza, inoltre, laddove è possibile vorremmo diventassero piste ciclabili strutturate.»

E proprio per portare al centro dell’attenzione la mobilità sostenibile e incentivare l’uso della bicicletta ieri, domenica 14 marzo, il Circolo Amici della Bicicletta Genova (FIAB) ha provato un nuovo tracciato che da Righi attraversando il primo entroterra li ha portati in Valpolcevera. Il percorso verrà presentato all’amministrazione comunale per essere utilizzato anche a fini turistici.

   
tazza pedalaognigiorno

Joomla templates by a4joomla